Interior

MAbout_Nytlivmagazine

Oggi insieme a Luca vi racconto di un magazine che nasce per non essere stampato e ci parla di interior, stile e decor. Creato dal lavoro di Luca e Giampaolo, Nytliv non lo trovi in edicola ma sulla loro pagina Instagram Nytlivmagazine

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Ciao Luca, parlaci di Nytliv ed di come si articola il suo team.

Nytliv ha la redazione più piccola che si sia mai vista: siamo appena in due, io (Luca) e il mio compagno (Giampaolo).

A dire il vero, ci siamo noi due e ci sono anche i lettori, che sono parte integrante del progetto. Essendo nati su Instagram e pubblicando solo nelle storie, il contatto quotidiano con le persone che ci leggono è importantissimo. Rispondiamo a tutti, sempre cr on immensa gioia. Non ci è mai capitato – finora, per fortuna – di leggere un commento sgradevole e ogni volta che apriamo un nuovo messaggio ci ricarichiamo di energie.

Scrivere e impaginare, lavorare sempre e solo su un telefono (non usiamo altri strumenti) a volte è faticoso… anche dal punto di vista fisico: alla decima pagina iniziano a far male le dita e si incrociano gli occhi. Ma quel che ci restituiscono i lettori ci ripaga di tutta la fatica e ci motiva ad andare avanti.

Il nostro è un progetto nato per caso, dettato dall’emozione di una sera in cui ci siamo detti, dopo un bel bicchiere di vino: “Il nostro sogno è sempre stato quello di vedere la nostra casa sulle pagine di una rivista. Ma perché non crearla noi, una rivista?”

E così è stato. Nel giro di 24 ore erano già pronte le fotografie (che abbiamo scattato nel nostro soggiorno) e gran parte degli articoli. Ci siamo poi messi alla ricerca di contenuti che potessero interessare un potenziale lettore. Un lettore che, in fin dei conti, abbiamo immaginato molto affine a noi: innamorato del luogo che abita e attento ai dettagli, ma senza cadere nella “fissazione”… le case è bello viverle, lasciarle ogni tanto in disordine e godersele così come sono, altrimenti si trasformano in show-room.

E Nytliv in questo è molto simile alla nostra casa: ospitale, sempre aperta a nuove collaborazioni, piena di energia e di dialogo… e c’è sempre vino!

E8BA7679-2FF6-4473-A419-FF76D26D1C59

Come mail la scelta di questo nome?

Nytliv viene dal danese: “nyt” (nuova) e “liv” (vita). Nuova vita.

Abbiamo scelto questo nome durante un viaggio a Copenaghen, qualche tempo fa. Il Nord Europa è da sempre la nostra grande passione e quel viaggio lo trascorremmo passando da un mercatino delle pulci all’altro.

Avevamo da poco preso la decisione di andare a vivere insieme, perciò “nuova vita” ci sembrava un nome adatto al nostro profilo Instagram. Il magazine allora ancora non esisteva. C’eravamo soltanto noi, il nostro colpo di fulmine (siamo andati a vivere insieme dopo appena sei mesi!) e il piccolo appartamento nel cuore di Roma in cui tuttora abitiamo, arredato quasi esclusivamente con mobilia scovata nei mercatini.

Anzi, a dir la verità sono arrivati prima i mobili della casa! Ovunque andassimo in quel periodo perdevamo la testa ora per una poltrona, ora per una madia. Le cantine dei nostri amici erano strapiene delle nostre cose, perché non avevamo ancora dove riporle. Solo qualche mese più tardi siamo riusciti a riunirle tutte insieme in una casa, iniziando – sia noi sia loro – una nuova vita.

C57BC8CB-5CD0-4B64-A949-BD256D59045D

Come si presenta, è un nuovo modo di fare giornalismo o blogging ?

Nytliv è un mensile online dedicato alla casa, alle case e a chi le ama. Lo pubblichiamo – per ora – solo sul nostro profilo Instagram, intorno al 10 di ogni mese. Non so se possa definirsi un nuovo modo per fare giornalismo o blogging. Di certo, per noi è la maniera più facile e diretta per arrivare ai lettori, senza link che rimandino chissà dove. Tutto avviene sulle storie di Instagram in presa diretta e le persone hanno la possibilità di commentare dal vivo, facendoci sapere cosa le ha emozionate o ispirate anche solo con un “like”.

Di volta in volta ci diamo un appuntamento per la pubblicazione di un nuovo numero: domani alle 11:00. Ed è sorprendente vedere che i lettori puntano la sveglia per seguire il countdown.

È una grande emozione ricevere i primi commenti e scambiare qualche parola con chi ci contatta. Ci sono persone stupende dietro alcuni profili di Instagram: persone con una storia pazzesca da raccontare, che con le loro mani sanno creare cose meravigliose e che hanno voglia di scambiare opinioni e di farti sapere che ci sono, che credono come te nel progetto. È una cosa stupenda, questa, se consideriamo i tempi che viviamo. Dovremmo essere tutti abbrutiti e arrabbiati col mondo… invece, c’è ancora tanta voglia di dialogo e di confronto.

Cosa muove la gente ad esplorare il profilo? La curiosità di un giornale non stampato?

Chissà cosa li porta da noi, questi lettori! Dovremmo chiederlo a loro. Forse la semplicità di un progetto che è nato dall’interazione di due persone che si amano e che un momento impaginano un articolo e quello dopo riempiono la ciotola del cane o mettono su il caffè.

Nytliv è questo, anzitutto. È casa. Una casa come le altre, dove si fanno le cose di tutti i giorni. Dove si lavano i piatti – rigorosamente col sapone bio – e dove si rompe il bricco se non stai attento. Non siamo una rivista patinata e non mettiamo una distanza fra noi e chi ci segue: siamo là, a un tap. Siamo semplicemente due ragazzi a cui piace arredare, raccontare storie e condividere quel che di bello gli avviene: ieri abbiamo trovato questo da Ikea; oggi si parte per la Grecia… e così via.

Ecco, forse quel che ha di speciale la nostra rivista (e di conseguenza la nostra casa e la nostra vita) è l’anteporre il lato umano a tutto il resto: per noi conta più lo stare bene dell’apparire. Le case non dovrebbero essere un mezzo per ostentare un qualche status, ma il luogo in cui ci si rifugia per riposare e per creare e dove, al contempo, ci si apre all’ospite in intimità, protetti dal mondo esterno. Ecco, forse è questo ciò che muove le persone ad esplorare il nostro profilo: l’intimità che si respira, il sentirsi invitati a entrare e a non restare sulla soglia.

Estratto dei numeri precedenti cosa vi resta nel cuore?

Di questi tre numeri sinora pubblicati restano le emozioni forti. L’emozione che ti dà, ad esempio, un messaggio di Sarah di Shabby Chic Interiors, di Ilaria di Ida Interior Lifestyle o di Sara di Ide Design Lagom quando ti dicono che sì… il progetto piace e ci saranno anche loro con una mini intervista. Sono persone che abbiamo seguito per anni con ammirazione, dalle quali abbiamo imparato tanto e che hanno accettato di contribuire, di numero in numero. Sono persone e sono mondi. Bellissimi, tutti.

Quando ancora lavoravo in un ufficio dai vetri oscurati senza vedere gli alberi e il sole, spesso mi rifugiavo in pausa sui loro profili Instagram. È stato allora che ho capito di vivere una vita non mia. Nei loro racconti c’era armonia e un grande amore per che quel fanno: i mobili di Sara, l’uncinetto di Ilaria, le sedie Pinnstol di Sara… Nella mia vita, invece, l’amore per il lavoro che svolgevo si era esaurito da tempo. Insomma, alla fine mi sono licenziato e da lì, poco dopo, è nato con Giampaolo il magazine di Nytliv. Quel che succederà, di qui in avanti, chi può dirlo. Ma di certo la vita ha più gusto se la si vive con coraggio.

photo  by Nytlivmagazine.

6BDF4378-FFC0-414A-A21F-54EED966C689DAC2FC44-0887-4206-A1BC-30F79DC51C7310D531F3-70E2-4538-813B-C58EC7B6F8A3

OLYMPUS DIGITAL CAMERAOLYMPUS DIGITAL CAMERA