Interior

ABOUT_HOME

Oggi scopriamo insieme il loft di Alessandro Pamparana, una casa dall’anima nerd e dalla filosofia giapponese, attraverso l’intervista ci parlerà di sé e della sua casa sempre in continua evoluzione.

C70BDA31-B20E-464C-88D0-2412270A3C3D

Nome, cognome, luogo di nascita ed età. 

Alessandro Pamparana, nato il 10 Aprile 1988 a Cerate Brianza (MB).

Dove vivi oggi?

Ora vivo a Milano, zona Lambrate/Ortica da circa tre anni, mi sono trasferito per la comodità visto che il lavoro è in centro.

Quali sono i tuoi interessi, cosa ti influenza?

Sono un nerd, amante del Giappone, appassionato della cultura americana degli anni 70/80. Mi interesso di skate, auto storiche, biciclette vintage e da collezione, musica ed orologi.

Come definisci la tua casa ed il suo stile?

La mia casa è un loft open space ricavato in una vecchia fabbrica di notevoli dimensioni riconvertita ad uso residenziale, una piccola oasi felice e tranquilla in Milano. È distribuita su due livelli comunicanti per una metratura totale di circa 75 mq, con un’unica grande finestra che rende molto luminoso l’ambiente.

Non vi è uno stile ben definito nell’arredamento, è un mix, dallo scandinavo all’industriale, un’anima vintage con qualche pezzo di design italiano qua e là, integrato da qualche pezzo ideato da me, come la composizione della cucina. 

Cosa la caratterizza di più?

Sono gli oggetti a farla da padrona, alcuni da collezione, altri unici, tutti sparsi per casa, quasi fosse un museo di ogetti pop e nerd.

Cosa ti ha ispirato nell’arredare la tua casa?

Quando entrai era completamente vuota, c’era solo il piano cottura. Era una tela bianca dove poter tirare fuori tutta la mia creatività. L’idea era di creare un ambiente unico, che rispecchiasse i miei gusti ma allo stesso tempo risultasse ordinato, nonostante i tanti oggetti presenti, e sopratutto con costi contenuti, nessuna spesa folle (Smeg a parte).

Odio il caos ma allo stesso tempo amo circondarmi di tante cose particolari, a volte anche uniche, e trovare un equilibrio non è stato facile.

Cosa manca o cosa cambieresti?

È un continuo work in progress, probabilmente non la finirò mai del tutto, ci sarà sempre qualcosa che vorrò aggiungere o cambiare. Devo terminare la cucina, il bagno, la libreria, devo sostituire la cassettiera della camera da letto con qualcosa di più particolare e colorato, e magari anche il tavolo della cucina.  Insomma c’è sempre da fare.

Come vedi l’architettura ed il design?

Beh, ho studiato architettura e design, ho lavorato nel design per diversi anni, e per alcuni aspetti ci lavoro tutt’ora, in particolare per due anni ho collaborato con un designer brianzolo presentando anche dei prodotti al Salone del Mobile, quindi si può dire che sono particolarmente legato al design, lo reputo fondamentale nel mondo odierno. Associo il design e l’architettura alla continua innovazione, alla ricerca di soluzioni per migliorare la nostra quotidianità.

Spero che la casa di Alessandro vi sia piaciuta!

Foto by Alessandro Pamparana.